Al fine di incentivare il commercio internazionale sono state create all’interno del territorio degli Emirati Arabi Uniti una serie di zone franche destinate alla promozione delle esportazioni ed all’apertura dell’economia nazionale al mondo esterno.

Attualmente, all’interno del territorio degli UAE vi sono più di 36 free zones, di cui 25 attive solo nell’Emirato di Dubai. Alcune consentono lo svolgimento di qualsiasi attività economica o commerciale, altre, invece, permettono la conduzione soltanto di attività economiche determinate. Ogni zona franca è amministrata da una Free Zone Authority indipendente, autorità competente per il rilascio delle singole licenze e delle autorizzazioni, ed è regolata da una propria normativa interna disciplinante le modalità e i requisiti necessaria per poter ivi operare.

Le zone franche offrono agli investitori una serie di incentivi tra cui, il 100% di proprietà straniera, l’assenza di imposta sulle società per i primi 15 anni dalla costituzione, la più completa libertà di rimpatriare il capitale e il reddito, nonché l’eliminazione delle imposte sul reddito personale. Tra le principali free zones in Dubai possono essere citate: Jebel Ali Free Zone – JAFZA, Dubai Airport Free Zone, Dubai Internet City, Dubai Media City, Dubai Gold and Diamond Park, Dubai Cars and Automotive Zone (DUCAMZ), Dubai Knowledge Village, Dubai Multi Commodities Centre – DMCC, Dubai maritime City, Dubai Aid City, Techno Park, Dubai Silicon Oasis, Dubai Flower Centre, Dubai Logistics City, Dubai Outsource Zone, Dubai Biotechnology and Research Park, Dubai Studio City, International Media Production Zone.

Zone franche settoriali innovative che meritano, invece, un cenno di approfondimento sono: Dubai International Financial Centre DIFC – Centro Finanziario Internazionale di Dubai (Zona Franca Finanziaria), Dubai Industrial City –DIC e Dubai Health Care City – la Città dell’Assistenza Sanitaria di Dubai (membro di Dubai Holding). L’iniziativa DIFC, aspira a trasformare Dubai in una piattaforma finanziaria di prima scelta sul mercato mondiale, attirando le migliori istituzioni finanziarie, società e fornitori di servizi ad operare nel DIFC contribuendo contemporaneamente alla crescita economica della regione del Golfo e facilitando il processo di privatizzazione e di liberalizzazione dei mercati. La DHCC si propone, invece, di fornire servizi di assistenza ed educazione sanitaria di primissimo ordine per pazienti provenienti dall’estero, medici in visita, partecipanti ai convegni, internisti, post laureati ed infermieri. La struttura della DHCC è altamente integrata con il complesso dell’Università di Medicina che insieme allo University Speciality Hospital – Università di Specializzazione Ospedaliera, Medical School & Nursing School – Scuola Medica e Scuola Infermieristica, Life Science Research Centre – Centro di Ricerca Scienze Naturali, ne forma il nucleo centrale.

Infine, tra le zone franche in via di costituzione da citare rimangono: Dubai Design Centre, Dubai Auto Zone, Dubai Energy City, Dubai Academic City.

(A cura dell’Ufficio di Bologna –  Dott.ssa Linda Tontodonati – 051 2750020).

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Seguici sui social: