F2I acquista Porto di Carrara Spa per creare un polo nazionale di porti merci

“Milano, 31 maggio 2019 – F2i, il maggiore fondo infrastrutturale italiano con una dotazione di circa 5 miliardi di euro, annuncia l’ingresso nel settore dei porti con l’acquisizione di Gruppo Porto di Carrara Spa (PDC Spa), che detiene terminali portuali a Carrara, Marghera e Chioggia. Il gruppo, che movimenta ogni anno circa 5 milioni di tonnellate di rinfuse solide, rappresenta uno dei principali hub portuali italiani e opera nel settore strategico dell’approvvigionamento di alcune delle principali filiere industriali italiane. Attraverso i terminali del gruppo PDC passano infatti la maggior parte degli approvvigionamenti siderurgici per i distretti di Brescia, Verona e Vicenza, i cereali destinati alla trasformazione nei distretti industriali alimentari della Pianura Padana e il marmo e le pietre destinate ai distretti lapidei di Carrara e Verona.

PDC S.p.A e le sue controllate Multiservice S.r.l e Transped S.r.l operano come poli portuali polispecialistici nonché vere e proprie piattaforme logistiche, come avviene per l’assemblaggio e movimentazione di moduli a favore di Baker Huges General Electric nell’area di Carrara. Il gruppo ha chiuso il 2018 con circa 59 milioni di euro di ricavi consolidati. F2i, rilevando la quota di maggioranza detenuta dall’armatore e operatore portuale Enrico Bogazzi e quella di minoranza detenuta dalla cooperativa di servizi portuali Ciclat, intende proseguire nel solco operativo segnato dall’azionista di controllo uscente che ha saputo fare di Gruppo PDC uno dei principali poli portuali italiani.”

Nell’operazione lo Studio ha prestato consulenza legale a F2i con un team coordinato dal Founding Partner, Prof. Avv. Stefano Zunarelli, affiancato dagli associate Avv. Lorenzo Ferruzzi e Avv. Alessandra Laconi.

 

 

Leggi il Comunicato stampa ufficiale

Seguici sui social: