Lo Studio di Trieste incaricato di difendere un vettore indagato per omicidio colposo

Lo Studio di Trieste è stato incaricato di difendere l’indagato in un processo penale di omicidio colposo conseguente a un sinistro stradale tra un’autovettura e un autoarticolato. Nel caso di specie, la Procura della Repubblica presso il Tribunale competente, do-po aver ordinato il sequestro probatorio, ha immediatamente disposto accertamenti tecnici non ripetibili volti ad accertare la dinamica del sinistro con un esame sui mezzi coinvolti. Le indagini e gli accertamenti sono finalizzati ad appurare se sia possibile configurare una colpa in capo al conducente sopravvissuto. Dai primi accertamenti di parte è emerso che l’incidente si sarebbe verificato per una mancata precedenza. Solo qualora la condotta del conducente rimasto illeso sia stata caratterizzata da negligenza, imprudenza e imperizia o inosservanza delle disposizioni del Codice della strada, e solo qualora si dimostri che l’evento sarebbe stato altrimenti evitabile, sarà possibile configurare una responsabilità penale in capo all’indagato.
(A cura dell’Ufficio di Trieste – Avv. Federica Fantuzzi – 040 7600281)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Seguici sui social: