Il 1 gennaio 2018 entra in vigore una parziale riforma della normativa IVA svizzera, il cui obiettivo è quello di eliminare gli svantaggi concorrenziali correlati al diverso trattamento IVA fra imprese con sede nel territorio svizzero ed imprese estere.

A partire dal 1 gennaio 2018 le principali modifiche normative ai fini IVA, riguardanti le imprese con sede all’estero sono le seguenti:

  • Per l’assoggettamento obbligatorio -con conseguente iscrizione al Registro dei contribuenti IVA in Svizzera- delle imprese con sede all’estero, diventa determinante la cifra d’affari realizzata a livello mondiale e non più soltanto, come previsto fino al 31.12.2017, quella conseguita sul territorio svizzero.
  • E’ esentato dall’assoggettamento chi, indipendentemente dalla cifra d’affari, esercita attività d’impresa con sede all’estero ed esegue sul territorio svizzero esclusivamente una o più delle seguenti prestazioni o forniture:
  1. Prestazioni esenti dall’imposta ai fini svizzeri;
  2. Prestazioni di servizi che vengono rese sul territorio svizzero (non è tuttavia esentato dall’assoggettamento chi rende prestazioni di servizi in materia d’informatica o di telecomunicazioni a destinatari non contribuenti)
  • Fornitura di energia elettrica in condotte di gas, mediante la rete di distribuzione del gas naturale e teleriscaldamento a contribuenti in territorio svizzero;
  • L’aliquota IVA normale è ridotta dall’8% al 7,7%

L’impresa con sede all’estero assoggettabile ai fini IVA in Svizzera, è tenuta a farsi rappresentare da un rappresentante fiscale domiciliato in Svizzera presso il quale è garantito il domicilio fiscale per tutto ciò che concerne l’imposta sul valore aggiunto.

Il rappresentante fiscale svizzero provvede all’iscrizione dell’impresa estera presso il Registro dei contribuenti IVA in Svizzera e all’adempimento dei vari obblighi fiscali.

Lo studio Zunarelli è a disposizione per eventuali approfondimenti ed ha stipulato accordi con professionisti svizzeri in grado di svolgere i vari adempimenti sopra descritti, sia durante la fase preliminare con l’iscrizione al Registro dei contribuenti IVA, sia durante l’attività svolta in Svizzera.

(a cura dell’ufficio di Bologna – Prof. Avv. Massimo Campailla – 0512750020)