Contenzioso ed arbitrati

I recenti sviluppi dell’economia mondiale ed italiana hanno acuito le vertenze tra banche e investitori e tra imprese commerciali. Anche le procedure d’infrazione di natura regolamentare o fiscale intraprese dallo Stato e dagli Enti locali nei confronti di banche, istituzioni finanziarie e imprese di grandi dimensioni, apparentemente anche a causa delle crescenti difficoltà di bilancio delle Istituzioni italiane, hanno registrato un sensibile aumento.

La clientela si è dunque rivolta allo studio con sempre maggior frequenza per gestire complessi contenziosi generati da tali sviluppi socio economici, che lo studio affronta, in particolare quando il contenzioso penda innanzi a giudici situati in luoghi diversi dalle tradizionali piazze finanziarie, affiancando alle risorse interne specializzate nei settori di diritto sostanziale rilevanti per affrontare la vertenza, un legale, anch’egli appartenente allo studio, stabilmente operante nel Foro in cui pende la lite.

Ciascuna delle sedi ha, infatti, almeno un professionista dedicato al settore contenzioso, così che gli incarichi possano essere gestiti, a seconda del rilievo e delle materie coinvolte, apprestando un team locale oppure creandone uno con professionisti appartenenti a differenti uffici dello Studio.

Il successo della formula adottata ha propiziato la menzione dello Studio tra quelli raccomandati dalla Guida Chambers Europe 2017 nel settore del dispute resolution in Italia.

Questi alcuni tra i casi più significativi che abbiamo gestito nei tempi più recenti:

  • rapresenting un’impresa in un procedimento innanzi alla Corte costituzionale, avente ad oggetto la declaratoria d’incostituzionalità dell’art. 29 del D.L. 185/2008, convertito in L. 2/2009, per violazione del diritto al credito fiscale maturato in forza della Legge di bilancio del 2007 e per la connessa lesione di alcuni diritti costituzionalmente garantiti
  • rappresentiamo un’impresa italiana attiva nel settore della moda in un arbitrato pendente innanzi alla Corte internazionale arbitrale della Camera internazionale di commercio di Parigi, volto ad ottenere dalla controparte cinese il risarcimento del danno per inadempimento del contratto avente ad oggetto la costituzione di un’Equity Joint Venture in Cina
  • rappresentiamo un deposito fiscale in una disputa che lo contrappone ad un Cliente, avente ad oggetto il recupero dell’accisa sul combustibile immesso al consumo da quest’ultimo
  • rappresentiamo in giudizio l’erede di un passeggero deceduto in un sinistro occorso ad un velivolo ultraleggero, in relazione alle pretese reciproche di risarcimento del danno formulate da e nei confronti dell’altro passeggero, che nel sinistro ha riportato menomazioni
  • assistita vittoriosamente in primo grado la committente di un pubblico appalto, per la quale abbiamo ottenuto la sospensione giudiziale della provvisoria esecutività di un decreto ingiuntivo relativo al prezzo dell’appalto, la revoca del decreto e il rigetto della domanda dell’appaltatrice, ora assistiamo la committente nella fase di appello
  • assistite vittoriosamente in primo grado un’impresa concessionaria di un porto turistico e l’Autorità di Sistema portuale, nel cui ambito è situato il marina, nel contenzioso nei confronti dell’Agenzia del Territorio volto a far valere l’illegittimità dei nuovi provvedimenti di accatastamento, ora le assistiamo nella fase d’appello innanzi alla Commissione Tributaria Regionale
  • rappresentiamo i proprietari di un edificio gravemente danneggiato dal terremoto verificatosi in Emilia Romagna nel maggio 2009 nel ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale dell’Emilia Romagna avverso il provvedimento che ha loro negato i finanziamenti per la sua ricostruzione
  • abbiamo rappresentato una Provincia italiana in una disputa intentata da alcune imprese di trasporto innanzi ad un Tribunale Amministrativo Regionale, con cui queste ultime miravano ad ottenere compensi per lo svolgimento di attività di trasporto pubblico in base al Regolamento CE n. 1191/69